Newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

In Puglia una raccolta di firme per l'equo compenso

In Puglia una raccolta di firme per l'equo compenso
14/05/2012 | operatore

L’Ordine dei giornalisti della Puglia sostiene e appoggia la mobilitazione dei colleghi e delle colleghe leccesi, partita dal licenziamento di un operatore di un’emittente privata, che aveva denunciato su facebook di non percepire stipendio da circa nove mesi. Lo stato di agitazione, proclamato da un'assemblea di giornalisti, cameraman e fotografi e che domani approderà in Prefettura a Lecce, deve far riflettere anche gli altri colleghi pugliesi sulla difficoltà del momento che stiamo vivendo.

La "precarietà", diventata quotidianità in quasi tutte le redazioni, si ripercuote inevitabilmente sul prodotto che forniamo con un conseguente abbassamento del livello della qualità dell'informazione. Il Consiglio regionale dell'Ordine dei giornalisti attraverso la sua presidente, Paola Laforgia (nella foto) ricorda, inoltre, a tutti i colleghi e le colleghe che è stata firmata ed è attiva la Carta di Firenze che prevede la possibilità di porre sotto Procedimento disciplinare, su segnalazione, gli iscritti che rivestano a qualunque titolo ruoli di coordinamento del lavoro giornalistico che non rispettano le norme previste dalla carta deontologica, sottoscritta pochi mesi fa.

L’informazione precaria è sicuramente meno libera e meno utile ai cittadini. Quello del giornalista è un lavoro fondamentale per la democrazia di un paese e va retribuito “equamente”. Per questo chiederemo nella prossima seduta del Consiglio Nazionale, tramite i rappresentanti pugliesi, al Presidente Iacopino di avviare una raccolta di firme (cartacea e on line) che coinvolga tutti gli ordini ragionali per sollecitare il parlamento affinché si affretti ad approvare la legge sull'equo compenso che è stata stoppata (dopo l'approvazione alla Camera) all’esame della Commissione Lavoro del Senato. Invitiamo inoltre i parlamentari pugliesi a farsi portavoce del dissenso dei giornalisti e ad impegnarsi affinchè la legge venga approvata in tempi rapidi.
 

Altre notizie

L'intervento del presidente nazionale Odg alla conferenza stampa del presidente del Consiglio 23 dicembre È facile immaginare, signor Presidente, che lei non si sottrarrà al dovere di fare chiarezza sulla situazione che il nostro Paese sta...
 La schiavitù è abolita per legge. Nel 2012. E’ stata necessaria una norma, quella sull’equo compenso, per creare condizioni che consentiranno di porre fine allo sfruttamento selvaggio dei giornalisti. Giovani di tante età,...
«Accertate le violazioni della Carta di Firenze». Contro lo sfruttamento e la discriminazione dei giornalisti. E’ il senso di una lettera-esposto inviata dal presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Enzo...
Il Gruppo di lavoro sul precariato del Consiglio nazionale Ordine dei Giornalisti, giudica molto favorevolmente il nuovo importante passo per l'approvazione della legge sull'equo compenso. Un lungo percorso, iniziato proprio nella sede dell...
Il testo approvato della Carta di Firenze
Scarica qui
Il perché di una dedica
Mentre Giancarlo Siani scrive i suoi articoli di denuncia contro la camorra è un abusivo di redazione, un precario, considerato un aspirante giorna
Seguici su facebook