Newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Lotta al precariato: Veneto e Toscana fanno da apripista con percorsi di legge a tutela del pluralismo informativo

Lotta al precariato: Veneto e Toscana fanno da apripista con percorsi di legge a tutela del pluralismo informativo
15/03/2012 | operatore

L'obiettivo è Una legge regionale, la prima in Italia, che si oppone al precariato giornalistico. La stanno pensando alcune regioni, sullo spunto della Carta di Firenze, il documento deontologico approvato dal Consiglio nazionale dell'ordine dei giornalisti a tutela della dignità professionale di una categoria stretta in una crisi senza precedenti. Tra i primi a muoversi, la Regione Veneto. È stata presentata nella sede del consiglio regionale veneto dai tre firmatari una mozione che impegna la giunta alla nascita della legge, l'assessore Elena Donazzan (Pdl), e i consiglieri Graziano Azzalin (Pd) e Gustavo Franchetto Idv (Idv). I tre hanno incontrato il presidente dell'Ordine nazionale dei Giornalisti Enzo Iacopino, quello della Fnsi Roberto Natale, Nicola Chiarini, il presidente di 'Re:Fusi', gruppo veneto giornalisti precari. Alla presentazione dell'iniziativa sono intervenuti anche il presidente regionale dell'Ordine dei giornalisti, Gianluca Amadori, e il segretario del sindacato veneto dei giornalisti, Daniele Carlon, oltre al referente del gruppo di lavoro Odg nazionale, Fabrizio Morviducci e il coordinatore della commissione lavoro autonomo FNSI, Maurizio Bekar. All'incontro hanno preso parte anche i consiglieri nazionali dell'ordine dei giornalisti del Veneto, Alberto Vitucci e Maurizio Paglialunga. La futura legge, secondo Azzalin, sarà depositata entro due mesi, farà leva sulla collaborazione col Corecom - era presente Gianni Gallo, vice presidente veneto - per stilare un elenco di editori virtuosi che saranno privilegiati nell'erogazione, ad esempio, dei fondi che la Regione stanzia per la propri comunicazione istituzionale. "Questa iniziativa - ha detto Natale - è la punta più avanzata in Italia. Ancora una volta dal Veneto, con il gruppo di Re:Fusi, parte un'avanguardia". Iacopino ha ricordato come questa sia "la battaglia principale dell'Ordine nazionale" e Chiarini ha aggiunto: "un elemento di novità è il riconoscimento, per la prima volta, di un coordinamento di giornalisti precari come interlocutore ufficiale". Da parte sua, Azzalin, a nome dei tre firmatari ha assicurato "massimo impegno e convergenza per tradurre in legge i principi di questo documento bipartisan". Durante l'incontro è stato ricordato come due terzi dei 2400 giornalisti attivi in Veneto siano precari, collaboratori atipici o freelance, e che il 65% di loro non raggiunge i 5 mila euro di una retribuzione annua lorda. Sostegno diretto all'iniziativa legislativa è arrivato anche da Dario Bond, capogruppo del Pdl, che si è dichiarato pronto a sottoscriverla. Ma anche altre regioni si stanno muovendo: in Toscana a dicembre una mozione analoga è stata approvata dal consiglio regionale che sta vagliando anche un percorso normativo proprio a tutela del pluralismo informativo.

Altre notizie

L'intervento del presidente nazionale Odg alla conferenza stampa del presidente del Consiglio 23 dicembre È facile immaginare, signor Presidente, che lei non si sottrarrà al dovere di fare chiarezza sulla situazione che il nostro Paese sta...
 La schiavitù è abolita per legge. Nel 2012. E’ stata necessaria una norma, quella sull’equo compenso, per creare condizioni che consentiranno di porre fine allo sfruttamento selvaggio dei giornalisti. Giovani di tante età,...
«Accertate le violazioni della Carta di Firenze». Contro lo sfruttamento e la discriminazione dei giornalisti. E’ il senso di una lettera-esposto inviata dal presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Enzo...
Il Gruppo di lavoro sul precariato del Consiglio nazionale Ordine dei Giornalisti, giudica molto favorevolmente il nuovo importante passo per l'approvazione della legge sull'equo compenso. Un lungo percorso, iniziato proprio nella sede dell...
Il testo approvato della Carta di Firenze
Scarica qui
Il perché di una dedica
Mentre Giancarlo Siani scrive i suoi articoli di denuncia contro la camorra è un abusivo di redazione, un precario, considerato un aspirante giorna
Seguici su facebook