Newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

La Carta di Firenze sia strumento di sostegno per i colleghi in difficoltà

La Carta di Firenze sia strumento di sostegno per i colleghi in difficoltà
30/03/2012 | operatore

L'ordine del giorno presentato dal gruppo di lavoro sul precariato e approvato all'unanimità dal Consiglio Nazionale dell'Odg. Sostegno ai colleghi in difficoltà e invito alle istituzioni di categoria ad utilizzare la Carta di Firenze come strumento di sostegno per la dignità professionale

Ordine del giorno

Positano 30 marzo 2012

Non percepiscono compensi per le loro collaborazioni da oltre un anno. Compensi che si aggiravano comunque sui cento euro (lordi) al mese per scrivere anche quattro articoli al giorno. Ma l'ultima beffa, i collaboratori del Nuovo Corriere di Firenze l'hanno avuta quando il loro editore ha annunciato una pesante ristrutturazione col taglio di dieci redattori su  diciotto e di tre poligrafici su cinque. "Sappiate - è stato detto ai collaboratori - che d'ora in poi chi vuol collaborare lo farà solo a titolo di volontariato".

È solo l'ultimo episodio di una crisi che in Toscana sta colpendo le principali testate a stampa, radio e televisive. Una crisi, quella dell'informazione locale, che resta sotto traccia in tutta Italia, senza troppi clamori, e proprio per questo colpisce i colleghi, contrattualizzati e non, soprattutto nella dignità.

Analoga difficoltà tocca anche i redattori  e i collaboratori di testate nazionali e d’opinione come Il Riformista, che da ieri ha sospeso le pubblicazioni, o Liberazione.

Il risultato è come sempre un'informazione meno democratica e la mortificazione di uomini e donne che aspirano a vivere di questa professione.

IL CONSIGLIO NAZIONALE ODG

nell'esprimere la solidarietà ai colleghi del Riformista, del Nuovo Corriere di Firenze, e a tutti quelli attualmente in difficoltà, ritiene la carta di Firenze lo strumento principale per affermare la dignità della professione anche nel rapporto con gli editori

Invita gli ordini regionali a farla valere in sede deontologica e presentarla alle Istituzioni

Invita la FNSI, cofirmataria della carta a farne strumento anche in sede di trattativa sindacale, promuovendone la diffusione sin dalle sue unità di base come i cdr

 

Altre notizie

L'intervento del presidente nazionale Odg alla conferenza stampa del presidente del Consiglio 23 dicembre È facile immaginare, signor Presidente, che lei non si sottrarrà al dovere di fare chiarezza sulla situazione che il nostro Paese sta...
 La schiavitù è abolita per legge. Nel 2012. E’ stata necessaria una norma, quella sull’equo compenso, per creare condizioni che consentiranno di porre fine allo sfruttamento selvaggio dei giornalisti. Giovani di tante età,...
«Accertate le violazioni della Carta di Firenze». Contro lo sfruttamento e la discriminazione dei giornalisti. E’ il senso di una lettera-esposto inviata dal presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Enzo...
Il Gruppo di lavoro sul precariato del Consiglio nazionale Ordine dei Giornalisti, giudica molto favorevolmente il nuovo importante passo per l'approvazione della legge sull'equo compenso. Un lungo percorso, iniziato proprio nella sede dell...
Il testo approvato della Carta di Firenze
Scarica qui
Il perché di una dedica
Mentre Giancarlo Siani scrive i suoi articoli di denuncia contro la camorra è un abusivo di redazione, un precario, considerato un aspirante giorna
Seguici su facebook